Natura

“Wildscape” o “Wildlife”?

Il tipo di fotografia che prediligo è quella di paesaggio. Quella contemplativa, fatta di atmosfere rarefatte e momenti di luce speciali, di ricerca di composizioni e di armonia all’interno del caos naturale. Una fotografia che permetta l’uso di treppiedi, filtri e ponderazione. Mi capita però talvolta di partire per viaggi più orientati verso una fotografia di Wildlife dove la contemplazione lascia il posto all’azione, alla tempestività, alla ricerca di un comportamento particolare di un animale, di una situazione sorprendente, di un’interazione tra me e il soggetto o tra vari soggetti.

Quando fotografo gli animali in azione, il mio animo da paesaggista però non mi abbandona e quindi cerco spesso l’animale ambientato nel suo habitat perché quello che mi interessa di più sottolineare in uno scatto di un animale in libertà è proprio la libertà. E quindi prediligo il cosiddetto “wildscape” invece della fotografia classica di ritratti wildlife.
In casi più estremi, invece che dall’animale, parto proprio dalla composizione paesaggistica (con tanto di treppiedi!) e poi resto in attesa dell’animale che andrà (o almeno spero che vada) ad inserirsi nel contesto prescelto. Con un po’ di conoscenza dell’animale e molta molta fortuna questa eventualità talvolta capita e quando questo succede lo scatto è davvero memorabile come quello delle gru giapponesi riprese all’alba dal Silent Bridge: dopo una ventina di fotografie non degne di nota, la gru, in coincidenza con uno dei terzi, dispiega le ali per asciugarle ai primi raggi di sole.

Barbara Dall’ Angelo

 

3 Responses

  1. I cannot agree more, as my brother went on to become a volunteer in Syria, fighting alongside Syrian moderate opposition versus Assad – and died. All because US did not stop Assad in 2011-2012.

    1. I cannot agree more, as my brother went on to become a volunteer in Syria, fighting alongside Syrian moderate opposition versus Assad – and died. All because US did not stop Assad in 2011-2012.

  2. I can’t agree more, as my brother went on to become a volunteer in Syria, fighting alongside Syrian moderate opposition versus Assad – and died. All because US did not stop Assad in 2011-2012.

Lascia un commento